Cerca

RSS

Login

 

Posts in ‘Novità del mese’

Tornano i vampiri, quelli cattivi

mar 13

Se vi siete abituati ai vampiri romantici e affascinanti degli ultimi decenni di serie young adult preparatevi a una batosta.

C’era una volta Dracula. Un condottiero romeno così spietato da diventare famoso col soprannome di Vlad l’impalatore e da ispirare lo scrittore irlandese Bram Stoker a plasmare su di lui il personaggio che avrebbe reso popolare in tutto il mondo la figura del vampiro.

Intere generazioni hanno passato notti insonni nel terrore di essere visitati nel sonno da una creatura pallida e crudele avida del loro sangue. Poi verso la fine degli anni Settanta è arrivata Anne Rice con le sue interviste, Charlaine Harris coi suoi morti, Tanya Huff coi suoi legami di sangue, fino a Stephenie Meyer. E lì è stato il vero crepuscolo della gloria dei vampiri. Creature spaventose, crudeli, elementali ridotte ad adolescenti brufolosi. Sigh.

D’accordo, l’abbiamo fatta un po’ semplice e anche un po’ di parte. La buona notizia però, almeno finché non verrà il momento di andare a letto e cercare di addormentarsi, è che i vampiri cattivi, ma proprio cattivi, sono tornati. E hanno bisogno di sangue. Tanto sangue, perché questi non solo lo bevono, lo respirano proprio.

E la notizia ancora migliore è che a raccontarli c’è una delle penne migliori dell’orrore italiano, definito qualche volta – con uno di quei paralleli che in realtà noi non amiamo gran che – lo “Stephen King italiano”: Gianfranco Nerozzi. E non con un solo racconto ma con una vera e propria serie, intitolata Cruciform, di cui oggi presentiamo il primo titolo: i successivi episodi seguiranno ogni due settimane.

E no, guardate, tirare fuori l’aglio questa volta non basterà.

Ed è solo una della grandi novità della settimana di Delos Digital. Consultate la newsletter per scoprirle.

Insomma, quanto avete speso per avere tutti i Rollinz?

feb 20

Parte dell’Italia è impazzita (di nuovo) per collezionare i piccoli gadget di Star Wars dell’Esselunga. Ma quanto costa la raccolta completa? Ve lo spiega un nuovo libro di Emanuele Manco.

Se non sapete cosa sono i Rollinz probabilmente vivete in una regione dove non ci sono negozi Esselunga. Altrimenti difficilmente potete essere sfuggiti a questa mania che ha colpito i clienti di questi supermercati: per ogni venticinque euro di spesa infatti fino a febbraio veniva regalata una bustina con dentro un Rollinz a sorpresa. Un Rollinz è una specie di piccola trottola con il busto di un personaggio di Star Wars; la collezione completa – da inserire in un raccoglitore a forma di Star Destroyer – è composta di 24 pezzi. Quindi bambini che chiedono i Rollinz, genitori che fanno finta di chiedere i Rollinz per i loro figli, nerd che fanno finta di chiedere i Rollinz per ipotetici nipoti, e tutti con un occhio alla vecchietta di turno col carrello strapieno che, non avendo nipoti e non sapendo neppure cosa sia Star Wars, regala volentieri una manciatona di bustine al bambino che la segue nella coda. E, naturalmente, studiosi dei fenomeni sociali che osservano tutto quanto.
Ora che la raccolta è finita fate presto a calcolare quanto vi è costata: contate i Rollinz che avete e moltiplicate il numero per 25. Non fatelo da in piedi e se siete cardiopatici.
Ma se tornasse una collezione del genere, quale sarebbe la formula per calcolare il costo totale che porterebbe con buone possibilità a completare la collezione?

Emanuele Manco, esperto matematico specializzato nella soluzione di problemi del tutto inutili, ha scritto un libro per affrontare questo e altri dubbi in modo del tutto scientifico. Si intitola Matematica nerd, e non parla solo del costo della collezione dei Rollinz, ma anche per esempio della probabilità dei personaggi di Game of Thrones di sopravvivere, se i draghi della suddetta serie possano effettivamente volare, se la fidanzata di Spider-Man avrebbe potuto sopravvivere alla caduta: problemi sui quali vi siete tormentati per anni, finalmente affrontati dal punto di vista matematico.

E poi naturalmente ci sono tutte le altre novità del martedì di Delos Digital, date un occhio!

Ei non fu (e le altre novità del 13 febbraio

feb 13

Come sarebbe cambiata la storia se non fosse vissuto l’uomo che fu “Due volte nella polvere, Due volte sull’altar”.

Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro… chi non ricorda Il Cinque maggio di Manzoni? Se non altro perché, almeno fino a un certo punto, era una poesia da imparare a memoria a scuola. Lo scrittore milanese nel 1821 guardava indietro alla storia di Napoleone Bonaparte, contemplandone affascinato l’importanza e chiedendosi fu vera gloria? Ai posteri l’ardua sentenza. Alla fine Napoleone fu sconfitto, e la storia – scritta dai vincitori – non lo ha trattato benissimo (per esempio, sapevate che quella della bassezza era una fake news, dovuta a un errore di interpretazione dei “piedi” francesi da parte degli inglesi, che usavano “piedi” più corti? Napoleone era anzi, per la sua epoca, piuttosto alto). Un’interpretazione dell’importanza di questo personaggio storico la dà un esperto nell’immaginare scenari storici alternativi, Giampietro Stocco, i cui romanzi sono ora tutti disponibili in ebook per Delos Digital. Il romanzo La corona perduta immagina un presente in cui l’Europa non è un’alleanza di democrazie ma il terreno di battaglia di monarchie assolute e sanguinarie. Cosa è cambiato? La scomparsa di Napoleone, ucciso proprio all’inizio della sua carriera militare, che ha portato alla facile restaurazione e alla soppressione dell’ideale repubblicano. L’idea stessa di Repubblica è quasi del tutto scomparsa, con l’eccezione del piccolo stato genovese. E proprio questa città, patria elettiva dell’autore, nato a Roma ma trasferitosi da molti anni a Genova dove lavora al TG regionale Rai, giocherà un ruolo di rilievo nella vicenda.

Tra le uscite di oggi anche una storia di Cro-Magnon, un manuale per scrivere gialli storici, un romance M/M e altri titoli da scoprire sulla nostra newsletter!

La palla di vetro della fantascienza

feb 06

[[IMG:380:CENTER:]]

Hugo Gernsback predisse la tv. Jules Verne i sottomarini atomici. Mark Twain predisse internet e Wells le bombe nucleari. Di più: Arthur Clarke ha predetto i satelliti geostazionari (no, aspetta, quelli li ha proprio inventati lui) e l’iPad, Star Trek ha anticipato i telefonini a cozza, Octavia Butler ha previsto Trump e in un romanzo di John Brunner c’è un presidente nero che si chiama “Obomi”.

Quindi la fantascienza prevede il futuro?

Una delle cose che gli scrittori di fantascienza ci tengono a precisare è che no, loro non cercano di predire il futuro. Se scrivono del futuro cercano di farlo in modo realistico, coerente, osservando il loro tempo e cercando di capirne gli sviluppi. Sono bravi in questo, e quindi è naturale che spesso ci azzecchino. Ma ciò di cui gli scrittori di fantascienza parlano, di solito, è il presente.

L’idea è quella di isolare un aspetto del mondo in cui viviamo ed esaltarlo, svilupparlo, estrapolarlo, ribaltarlo. Farcelo vedere sotto una nuova luce per farcelo capire meglio. Sperando magari di farci comprendere un pericolo al quale stiamo andando incontro. È quello che fanno, per esempio, gli autori selezionati per la collana Futuro presente, curata da Giulia Abbate ed Elena di Fazio, che parlano di bufale, di social media, di sessismo, di migrazioni, di crisi alimentare, di terrorismo, di “buona scuola”, di integrazione e altri temi. Dopo aver letto questi racconti si vede il mondo in modo un po’ diverso, come se si accendessero dei piccoli faretti che illuminano dettagli che prima non notavamo. Una palla di vetro, insomma, non per vedere il futuro, ma per capire il presente.

Che poi, in fondo, sono più o meno la stessa cosa.

Le novità di Delos Digital del 6 febbraio

Le novità del 30 gennaio

gen 30

Tutte le novità Delos Digital uscite il 30 gennaio 2018 sulla nostra newsletter.

Le novità del 16 gennaio

gen 16

 

 

 

 

Tutte le novità Delos Digital uscite il 16 gennaio 2018 sulla nostra newsletter.

Nelle piaghe del Leone, viaggio in Kurdistan

set 10

Una grande testimonianza giornalistica raccolta durante tre viaggi in Kurdistan, tra uomini che lottano e sognano

Ci sono libri che rendono orgogliosi gli editori che li pubblicano, e Nelle piaghe del Leone è uno di questi. Selene Verri, giornalista italiana che lavora da anni per Euronews e altre testate, ha raccolto in due diverse spedizioni, nel 2010 e nel 2015, oltre che in una recente intervista realizzata a Parigi con un ex miliziano curdo. Un racconto a tratti avventuroso, a tratti curioso, ironico, commovente. Che racconta il Kurdistan delle battaglie ma anche delle piccole cose, della vita quotidiana.

Il leone è considerato dai curdi il simbolo del Kurdistan. Un simbolo pregnante, che ben incarna la fierezza e la combattività dei suoi popoli. Ma anche un simbolo che si presta a visualizzare pure le profonde ferite di una terra discriminata, dilaniata, lacerata da confini politici artificiali, da guerriglie e guerre senza fine, e insieme confusa nella sua stessa essenza da una complessità di forze ideologiche e militari, di identità religiose e nazionali, di necessità e aspirazioni, con tutte le contraddizioni che ciò comporta.

È dunque un leone indomito ma straziato, il Kurdistan. Ed è nelle sue piaghe che ci conduce Selene Verri, con questo reportage capace di destreggiarsi tra simpatie e oggettività, tra esperienza personale, narrata in soggettiva, e approccio giornalistico, tra grandi idee e piccoli bisogni, tra la drammaticità dei fatti geopolitici e del quotidiano umano e le vicissitudini (spesso anche divertenti, o quantomeno trattate con ironico sorriso) di chi viaggia tra Turchia, Iraq e Siria, in quello che (non) è il Kurdistan.

Nelle piaghe del Leone su delos.digital

pacchetto stampa

Stranimondi 2016, ci siamo

ott 11

Quasi sessanta eventi, venticinque editori, oltre settanta scrittori presenti, ospiti di rilievo internazionale come il più acclamato autore di space opera britannico Alastair Reynolds, il maestro dell’orrore Ramsey Campbell e la scrittrice americana Tricia Sullivan, grandi autori italiani come l’apocalittico Alan D. Altieri, lo scrittore, sceneggiatore e cantautore Gianfranco Manfredi, l’esperto di magia e paranormale fondatore del Cicap Massimo Polidoro, e l’artista Maurizio Manzieri.
Due giorni densissimi di incontri, conferenze, dibattiti, presentazioni librarie, mostre d’arte, con un ampio salone espositivo con tantissimi strani libri in vendita ed esposizione. E poi la realtà aumentata, un’opera interattiva di Mariano Equizzi e Lukha Kremo, un corso di scrittura tenuto da Franco Forte, e i caffè a tu per tu con l’autore.
Tra i molti appuntamenti uno sguardo alla fantascienza nella letteratura italiana, da Leopardi ad Alvaro (sabato, ore 12); un incontro con gli autori italiani “con la V” (sabato, 14:30); un intervento di Giuseppe Lippi du Robert E. Howard (sabato, 18:30); l’esplorazione di Marte, oggi e domani, con Paolo Aresi (domenica, ore 10:30); la fantascienza delle donne, panel condotto da Nicoletta Vallorani (domenica, ore 11); il weird nella letteratura mainstream (domenica, 14:30); la presentazione del vincitore del Premio Odissea 2016, con la partecipazione del fantasma di Dino Buzzati (domenica, 17:30); un dibattito per farsi pubblicare all’estero (domenica, 18:30).
Dopo il successo della prima edizione Stranimondi torna sabato e domenica 15 e 16 ottobre, sempre alla UESM Casa dei Giochi in via Sant’Uguzzone 8, a Milano, fermata Metro Villa San Giovanni. Con ingresso gratuito alla sezione espositiva e alle presentazioni librarie, iscrizione 10 euro (un giorno; entrambi i giorni 15 euro) per le sezioni ospiti, incontri, kaffeeklatsch.
Tutte le informazioni sul programma, gli hotel convenzionati e il modulo di iscrizione su http://stranimondi.it.

 

Torna Ombre nel silenzio, in offerta gli ebook di Franco Forte

apr 28

 Il romanzo di fantascienza scritto con Luigi Pachì torna in una nuova edizione ebook. E per l’occasione per una settimana tutti gli ebook di Franco Forte saranno scontati a soli 0,99 euro

 

 

Franco Forte è ormai da anni uno degli autori più quotati nel genere thriller storico. I suoi libri, editi da Mondadori, finiscono regolarmente nelle classifiche dei bestseller. Ma Franco Forte ha scritto anche fantascienza, soprattutto all’inizio della sua carriera, in particolare questo romanzo Ombre nel silenzio scritto con Luigi Pachì che ora viene riproposto in una nuova edizione nella collana Odissea Digital Fantascienza.

Per l’occasione parte un’offerta che durerà una settimana su tutti gli ebook di Franco Forte editi da Delos Digital: lo stesso Ombre del silenzio costerà solo 1,99 invece di 3,99; e tutti gli altri saranno invece disponibili, fino al 4 maggio, a 0,99 euro.

La lista comprende racconti horror della collana The Tube, racconti di fantascienza dalle collane Chew-9 e Robotica.it, gialli e thriller, ma anche tanti manuali di scrittura preziosissimi per gli aspiranti autori.

L’offerta è attiva su tutti gli store online, ma se volete acquistare sul Delos Store partite da qui: www.delosstore.it/offerte/26/

Ombre nel silenzio

Sinossi

Alex è una donna soldato. Dura, spietata, intelligente. Deve combattere contro i soprusi dei colleghi maschi, ma quando sbarca sulla stazione mineraria del pianeta Seritax 9, non riesce a comprendere che cosa le stia accadendo. Cosa sono quei movimenti che percepisce con la coda dell’occhio? Esseri alieni? Creature soprannaturali? O semplicemente effetti dello stress da spazio? Le ombre si aggirano nel silenzio e Alex deve combattere per la propria vita. Un romanzo di fantascienza spaziale che segna il ritorno di Franco Forte alla science fiction, dopo i suoi grandi successi nel romanzo storico (CarthagoRoma in fiammeIra Domini), e che vede il debutto di una coppia di autori che da oltre trent’anni opera a tutti i livelli nel mondo del fantastico italiano.

L’autore

Franco Forte nasce a Milano nel 1962. Giornalista, traduttore, sceneggiatore, editor delle collane edicola Mondadori (Gialli Mondadori, Urania e Segretissimo), ha pubblicato i romanzi Caligola – Impero e FolliaIra DominiIl segno dell’untoreRoma in fiammeI bastioni del coraggioCarthagoLa Compagnia della MorteOperazione Copernico,Il figlio del cieloL’orda d’oro – da cui ha tratto per Mediaset uno sceneggiato tv su Gengis Khan – tutti editi da Mondadori. Per Mediaset ha scritto la sceneggiatura di un film tv su Giulio Cesare e ha collaborato alle serie RIS – Delitti imperfetti e Distretto di polizia. Direttore della rivista Writers Magazine Italia, ha pubblicato con Delos Books Il prontuario dello scrittore, un manuale di scrittura creativa per esordienti, e per Delos Digital gli ebook bestseller Il viaggio dello scrittore e Come si scrive un film.

Luigi Pachì, laureato in economia e con un “Master of Science” in Management, si occupa di ICT da oltre trent’anni. È stato dirigente di alcune importanti aziende multinazionali americane di informatica e telecomunicazioni ricoprendo, per un triennio a Londra, ruoli internazionali per i mercati di Europa e Sud Africa.

È iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, collabora con alcune testate tecniche del settore e cura la collane TechnoVisions e Sherlockiana per Delos Digital.

Ha scritto diversi racconti di narrativa d’anticipazione e, nel 2002, anche un romanzo a quattro mani assieme a Franco Forte (Ombre nel silenzio). Cultore dell’opera di Sir Arthur Conan Doyle, direttore da oltre dieci anni della rivista dedicata al giallo Sherlock Magazine, ha curato diverse antologie di apocrifi e pastiche sherlockiani e collane librarie per diversi editori. È consulente Mondadori per la collana da edicola Il Giallo Mondadori Sherlock.

Franco Forte, Luigi Pachì, Ombre nel silenzio Delos Books, Odissea Digital Fantascienza 17, isbn: 9788865306970, ebook formato kindle (su Amazon.it) o epub (sugli altri store) con social drm (watermark) dove disponibile , Euro € 3,99 iva inclusa

http://www.delosstore.it/ebook/49519/ombre-nel-silenzio/

Rossi, Abbate, Centamore, scrittori da tenere d’occhio

apr 28

Non sono riedizioni nella collana Odissea Digital Fantascienza, anche numerosi romanzi inediti, nuove proposte per una nuova fantascienza italiana

Sono ormai quasi una ventina i titoli usciti nella collana ebook Odissea Digital Fantascienza. Erede ideale e digitale della gloriosa Odissea Fantascienza ma molto più rivolta agli autori italiani, la collana ha proposto all’inizio soprattutto riedizioni di alcune tra le migliori opere della sf del nostro paese riportandole in commercio, come i romanzi di Clelia Farris, quelli di Alessandro Vietti e più di recente il grande classico Come ladro di notte di Miglieruolo e il ciclo dell’Universo insonne di Francesco Troccoli.

Da qualche tempo la Odissea Digital Fantascienza ha cominciato un lavoro di ricerca di titoli inediti che ha già dato frutti notevoli. Tre in particolare i romanzi usciti negli ultimi mesi che vogliamo segnalare.

Umberto Rossi, L’uomo che ricordava troppo

Docente di letteratura inglese, esperto di Philip K. Dick, Umberto Rossi con questo romanzo è andato in finale al premio Urania. Poco adatto a un pubblico generalista abituato a letture poco impegnative, questo romanzo, che inevitabilmente è costruito attorno a un tema assolutamente dickiano, l’incertezza della percezione della realtà, è un’affascinante viaggio tra presenti e passati alternativi, tra versioni di Roma e dell’Italia che hanno seguito strade diverse. E contemporaneamente un viaggio tra le rovine della mente del protagonista che dimentica ciò che dovrebbe ricordare e ricorda cosa che apparentemente non potrebbe.

Giulia Abbate, Nelson

Editor professionista, giovane ma già di grande esperienza, Giulia Abbate ha lavorato a questo romanzo per anni prima di proporlo al premio Odissea, dove è entrato in finale. È un romanzo in cui la fantascienza è una vena appena accennata, quasi sullo sfondo, pur proiettando un’ombra che cambia il colore di ogni dettaglio.

Il romanzo è una fusione di generi: quello più evidente è il romanzo di mare, alla O’Brien o alla Forester, ambientato nel Settecento nei mari americani. Ma il mondo è diverso da quello che conosciamo: viaggiatori nel tempo provenienti dal futuro lo stanno cambiando, portando tecnologia, cambiando equilibri. Giulia Abbate sa tenere in mano la penna e questo romanzo è una lettera affascinante in ogni pagina.

Fabio F. Centamore, Lungo la notte

Autore tutt’altro che esordiente, che ha già fatto apprezzare la sua scrittura ai lettori Delos Digital con diverse traduzioni per la collana Biblioteca di un Sole Lontano, anche Fabio Centamore si trova a cavallo tra i generi con Lungo la notte, storia costruita su una struttura investigativa da romanzo noir sullo sfondo fantastico di una Sicilia futura in cui l’Italia non è più un paese unito. Ma la traccia fantascientifica è anche al centro della storia, e anzi, si rivelerà ben più determinante di quanto ci si aspetti. Le pagine scorrono rapidamente per una scrittura incalzante che spinge il lettore a volerne sapere di più.

 

Tutti e tre i romanzi costano solo 3,99 e sono in vendita su Delos Store senza drm e su tutti i negozi online di ebook.
» Maggior informazioni su L’uomo che ricordava troppo
delos.digital/9788867759828/l-uomo-che-ricordava-troppo
» Maggiori informazioni su Nelson
delos.digital/9788865305966/nelson
» Maggiori informazioni su Lungo la notte
delos.digital/9788865306642/lungo-la-notte